Urbanistica

Edilizia privata, la ristrutturazione non può «aggirare» i limiti sulle distanze tra gli edifici

di Massimo Frontera

La violazione evidente delle distanze legali rende irrilevante la qualificazione delle opere come interventi di ristrutturazione edilizia

L'intervento di ristrutturazione edilizia che modifica la volumetria dell'edificio non sfugge all'applicazione delle regole sulle distanze del Dm 1444. Lo ribadisce il Consiglio di Stato nella pronuncia dello scorso 5 marzo (n.1867/2021, Sesta Sezione). Il caso riguarda un intervento di ristrutturazione che ha interessato in particolare la copertura («con una variazione minima di volume in diminuzione, determinata dalla compensazione tra volumi in aumento e volumi in detrazione») e intervenendo con...