Appalti

Divieto di proroga tacita per i contratti di fornitura di beni e servizi ma non negli appalti in corso di validità

di Corrado Mancini

Termine di consegna e penale per ritardo, pattuiti nel contratto, vengono meno se l'originario piano dei lavori cambia a causa delle importanti variazioni richieste dal committente

Il divieto di proroga tacita è principio che viene in rilievo in relazione ai contratti finalizzati alla fornitura di beni e servizi mentre nei contratti d'appalto in corso di validità sono ammissibili modifiche contrattuali senza che la legge prescriva per esse una particolare forma, salvo il rinvio operato dal primo comma dell'articolo 106 del codice dei contratti pubblici, alle «modalità previste dall'ordinamento della stazione appaltante cui il R.U.P. dipende». Inoltre, se nel corso dell'esecuzione...