Fisco e contabilità

Procedura lunga per assegnare 7,5 miliardi di extracosti Pnrr

di Giorgio Santilli

Ai comuni 1,5 miliardi rapidamente distribuiti sulla base di un forfait, per le grandi opere l’iter in due tempi richiederà l’autorizzazione Mef e ritarderà l’avvio delle gare già posticipate a inizio 2022

Il rischio è che per le gare delle grandi opere del Pnrr il 2022 risulti, alla fine, un anno perso. Dopo un semestre di fermo delle nuove gare per gli effetti degli extracosti dei materiali, che hanno portato ad annullare le procedure avviate e ad aggiornare il quadro economico e la base d’asta dei singoli interventi, a provocare ora un ulteriore rallentamento - invece dell’accelerazione che ci si apsettava per recuperare almeno parte dell’anno - potrebbe essere il Dpcm che deve ripartire i 7,5 miliardi...