Personale

Doppia prova per il danno da troppo lavoro

di Giampiero Falasca

Link utili

Tratto da Top24 e Smart24

Il dipendente deve provare le ricadute sulla salute, l’ente che non si è esagerato

Un lavoratore che chiede il risarcimento per i danni dovuti a ritmi di lavoro eccessivi deve provare l’effettivo svolgimento della prestazione oltre i limiti della normale tollerabilità e il collegamento tra questi ritmi e il danno alla salute; spetta, invece, al datore di lavoro l’onere di dimostrare che la prestazione si è svolta entro limiti sostenibili. Con questo principio di diritto la Cassazione (sentenza n. 34968/2022) fa ordine sui criteri da applicare nei casi in cui un comportamento illecito...