Urbanistica

Abusi edilizi, c'è il reato paesaggistico anche se l'intervento non si vede

di Massimo Frontera

In breve

Lo afferma la Cassazione (III Sezione Penale), censurando la tesi dei ricorrenti secondo cui il manufatto interrato, o comunque sottratto alla vista, non incide sulla modifica del paesaggio

«In tema di tutela delle aree sottoposte a vincolo, ai fini della configurabilità del reato paesaggistico, non assume alcun rilievo l'assenza di una possibile incidenza sul bene sotto l'aspetto attinente al suo mero valore estetico dovendosi invece tener conto del rilievo attribuito dal legislatore alla interazione tra elementi ambientali ed antropici che caratterizza il paesaggio nella più ampia accezione ricavabile dalla disciplina di settore, con la conseguenza che anche gli interventi non esternamente...