Appalti

Abuso d'ufficio e turbata libertà del procedimento per il frazionamento artificioso dell'appalto

di Ilenia Filippetti

Risponde di abuso d’ufficio e di falso ideologico il ragioniere comunale che abbia concorso all’adozione di provvedimenti finalizzati al frazionamento di alcuni appalti, al fine di consentire l’affidamento diretto degli stessi o, in altri casi, la proroga di contratti ancora in corso di esecuzione. È questo il principio affermato dalla Cassazione penale, sezione sesta, con la sentenza n. 1743 del 15 gennaio 2019....

Il caso
Il Tribunale di Salerno dispone la sospensione dall'esercizio dai pubblici uffici...