Il CommentoAmministratori

La riforma della Pa deve partire dai modelli organizzativi

di Marco Carlomagno (*)

Il recente imperversare della pandemia ci ha restituito l'idea di un quotidiano fatto di scenari mutevoli e imprevedibili. E per far fronte alle nuove sfide che ci attendono saranno sempre più necessarie capacità di resilienza, rapidità di adattamento e velocità di risposta. Come ben sappiamo, queste sono caratteristiche tipicamente assenti nelle nostre pubbliche amministrazioni, che si ritrovano purtroppo ancorate a sistemi organizzativi meccanicistici e piramidali, basati sugli adempimenti burocratici...