Appalti

Ppp, con il nuovo codice dietro-front della Pa difficile anche prima della gara

Una sentenza del Tar Lazio permette di confrontare «il punto di non ritorno dell’agire decisionale dell’amministrazione» prima e dopo il Dlgs 36/2023

immagine non disponibile

di Viviana Cavarra (*)

A quasi un anno dall’operatività del nuovo Codice dei contratti pubblici, la recente sentenza del Tar Lazio (sede di Roma, 4 giugno 2024, n. 11377) rappresenta l’occasione per fare alcune riflessioni sulla discrezionalità nella decisione della pubblica amministrazione di non portare avanti un’operazione di partenariato pubblico-privato. La questione riguardava la richiesta risarcitoria avanzata da un promotore nei riguardi di un comune il quale, dapprima aveva dichiarato di pubblico interesse la ...