Amministratori

Adunanza plenaria, la nomina del commissario ad acta non esautora l'amministrazione

di Amedeo Di Filippo

In breve

Ciascuno dei due soggetti può attuare quanto prescritto dalla sentenza fintanto che l'altro non abbia provveduto

L'Adunanza plenaria del Consiglio di Stato scioglie, con la sentenza n. 8 del 25 maggio, il nodo dell'esercizio del potere in caso di nomina di un commissario ad acta: il potere dell'amministrazione e quello del commissario sono concorrenti, nel senso che ciascuno dei due soggetti può dare attuazione a quanto prescritto dalla sentenza fintanto che l'altro soggetto non vi abbia concretamente provveduto.

La questione
L'Adunanza plenaria è stata chiamata a chiarire se la nomina del commissario ad acta...