Amministratori

Regioni, «sì» a doppia preferenza ma sul Germanicum è stallo

Il Governo, in vista delle elezioni regionali fissate per il 20 settembre prossimo, “impone” la doppia preferenza di genere alle Regioni (Liguria e Puglia) che ancora non avevano adeguato le loro leggi elettorali alla norma nazionale. O meglio riesce a trovare ampia condivisione sull’informativa in materia elettorale - tecnicamente solo un sollecito che non comporta obbligo - approvata in Cdm e fortemente voluta dalle ministre renziane Elena Bonetti e Teresa Bellanova («è una vittoria delle donne...