Appalti

Regolamento appalti/2. Imprese di facility e multiutility: norme ad hoc per la qualificazione

di Massimo Frontera

Rapporto Cresme: cresce il «mercato complesso», in calo le gare tradizionali ma il Codice dei contratti non se ne è accorto

Le grandi multiutility a controllo pubblico che gestiscono le reti idriche ed energetiche di vasti territori; e i grandi operatori di facility management che gestiscono infrastrutture e immobili pubblici aprono un nuovo fronte nel dibattito sul nuovo regolamento attuativo del codice dei contratti. E chiedono che nel regolamento attuativo del codice siano previste norme che superino l'attuale quadro normativo che non riconosce né a questi operatori una adeguata valutazione delle capacità e dell'expertise...