Urbanistica

Intervento. Milano, sviluppare una nuova industrializzazione per attrarre investimenti ad alto valore aggiunto

di Davide Reina, Niccolò Cusumano e Veronica Vecchi *

L'obiettivo è fare della città uno dei cluster dominanti a livello europeo per automotive, plastica, energia, medtech, pharma

Milano e l'industria nel XX secolo sono stati un binomio inscindibile: fino quasi al 1990 il peso del settore secondario sul totale del PIL milanese era superiore al 30%, poi il declino.

Nel periodo 2000-2016, di cui sono disponibili i dati, la quota di valore aggiunto rappresentata dal settore industriale nell'area milanese è passata dal 22% al 17%. Una minoranza significativa, ma minoranza. Certo, al calo in termini relativi non corrisponde una contrazione in termini assoluti, dato che il valore...