Urbanistica

Ferrovie, il piano di risanamento acustico non ha natura discrezionale

di Donato Palombella

Consiglio di Stato: è solo un'attività esecutiva che prevede la mappatura del territorio e l'individuazione delle criticità ai fini dell'esecuzione degli interventi

Il piano di risanamento acustico non ha natura discrezionale; si tratterebbe di una mera attività esecutiva che prevede la mappatura del territorio, l'individuazione dei punti critici, la programmazione ed esecuzione dei necessari interventi diretti a ridurre l'inquinamento acustico. Lo scorso anno ci siamo occupati delle lamentele del proprietario di una tenuta prospiciente il Lago Maggiore infastidito dai rumori causati dalla linea ferroviaria che costeggia la proprietà (Inquinamento acustico da...