Amministratori

Accesso difensivo, la Pa non può sindacare l'effettiva utilità in giudizio dei documenti richiesti

di Pietro Alessio Palumbo

In breve

All'amministrazione compete la sola verifica dell'inerenza del documento richiesto con la posizione soggettiva dell'istante

La valutazione sulla ricorrenza dell'esigenza difensiva prospettata da chi formula una richiesta di accesso agli atti e sulla pertinenza del documento rispetto all'esigenza stessa deve essere effettuata in astratto dalla Pa destinataria dell'istanza. Secondo il Tar Lazio (sentenza n. 10949/2021), la Pa non può basare l'eventuale concessione dell'accesso in parola su una "propria" valutazione circa la fondatezza o l'ammissibilità della domanda giudiziale che l'interessato potrebbe, in ipotesi, proporre...