Amministratori

Spid «apre» le porte solo al 25% delle Pa

di Antonello Cherchi e Valeria Uva

A un mese dall'obbligo di consentire l'accesso online con identità digitale solo 5.737 (su 22mila)  enti pubblici sono già pronti

Da oggi parte il conto alla rovescia per le pubbliche amministrazioni che entro il 28 febbraio dovranno farsi trovare pronte a consentire l’accesso ai loro servizi online attraverso Spid, la carta di identità elettronica (Cie) o la carta nazionale dei servizi. È soprattutto sulle prime due, però, che si gioca la partita, se non altro perché si tratta delle chiavi di accesso - in particolare Spid (il sistema pubblico di identità digitale) - che negli ultimi mesi hanno consentito di usufruire di molte...