Appalti

Opere in stallo, bulimia normativa e progetti deboli i freni alle infrastrutture

di Mauro Salerno

In breve

I risultati di un'indagine Luiss tra 5.104 stazioni appaltanti e 217 imprese. De Micheli: avanti sulla qualificazione Pa

Ci saranno anche posizioni differenti sul peso delle criticità che impattano di più sull’indiscutibile difficoltà a far fruttare gli investimenti in opere pubbliche. C’è chi indica per primo la bulimia e il caos normativi, chi le difficoltà che si incontrano ad aggiudicare le gare, chi mette nel mirino l’incapacità di programmare, chi la carenza di una solida progettazione, chi la frammentazione e la mancanza di personale tecnico delle stazioni appaltanti. Senza dimenticare il ruolo dell’Anac, che...