Amministratori

Progressioni verticali, il periodo di lavoro dei precari è da equiparare a quello del personale di ruolo

di Gianluca Bertagna e Salvatore Cicala

Link utili

Tratto da Plusplus24 e Smart24

In breve

Lo ha chiarito il Tar Lazio bocciando un bando del Comune di Roma che non considerava ilservizio svolto a tempo determinato

È illegittimo il bando, indetto da un ente locale, per la progressione verticale finalizzata al passaggio alla categoria superiore se lo stesso esclude, quale requisito di accesso, la non computabilità del servizio svolto a tempo determinato dal lavoratore. Questa la conclusione cui giunge il Tar Lazio con sentenza n. 9759/2021, pubblicata lo scorso 13 settembre, che vede protagonista l'amministrazione di Roma Capitale, e che rimarca ancora una volta il diritto dei precari di non vedersi più discriminati...