Personale

La riforma del pre-ruolo: ricercatore unico con contratto massimo di sei anni

di Eugenio Bruno

Addio alla distinzione tra tipo «a» e «b» risalente al 2010 e più tutele per gli assegnisti

C'è una novità molto rilevante per il mondo dell'università che è entrata nei giorni scorsi nel decreto Pnrr 2 ma che è stata un po' oscurata dall'ormai nota baruffa sul pacchetto scuola. Stiamo parlando della riforma del pre-ruolo contenuta in un emendamento a firma Francesco Verducci (Pd) approvato giovedì notte. Grazie al quale, da un lato, scompare dopo 12 anni la distinzione tra ricercatori di tipo «a» o «b» prevista dalla legge Gelmini del 2010 a vantaggio di una figura unica di ricercatore...